Azienda
Prodotti
Listini
Magazzino
Notizie
Seleziona il modello:

Serie TTS/000

Serie STT/500

Serie TTI/500

Serie TS

Serie TTNA

Serie TTIM

Serie 1000/9000

Serie Isolamento K-Factor
Home › Prodotti › TrasformatoriTrasf. trifaseSerie STT/500

Trasformatori Trifase di Sicurezza

Serie STT/500

Trasformatori trifase Varat

  • Il trasformatore di isolamento della serie STT/500 costruito secondo IEC 61558-1 e IEC 61558-2-4 (CEI 96.2); potenza massima 10 kVA .
  • Primario monotensione max 1000 V
  • Secondario monotensione max 50 x v3 V
  • Isolamento Classe F
  • Temperatura ambiente max 35 °C
  • Collegamenti in entrata ed uscita su morsetti da guida o basetta con viti in ottone.
  • Protezione contro i contatti accidentali in policarbonato nell’esecuzione con basette e viti
Rif. Interno Pot. Termica Dimensioni Foratura Pot. diss. (W) Rendim. % Peso Kg Fig.
L P H A B G F
STT/501 160 VA 140 90 135 125 53 14 7 19 88,2 5,2 3/5
STT/502 250 VA 180 90 160 150 66 18 7 26 89,6 6,5 3/5
STT/503 400 VA 180 110 160 150 86 18 7 36 91 9,5 3/5
STT/504 630 VA 180 120 160 150 96 18 7 48 62,4 12 3/5
STT/505 1000 VA 240 130 210 200 96 18 7 73 92,7 18 3/5
STT/506 1600 VA 240 155 210 200 121 18 7 101 93,6 26 3/5
STT/507 2500 VA 300 144 260 250 124 24 9 143 94,3 34,3 3/5
STT/508 4 kVA 360 160 310 325 126 24 9 176 95,6 46,3 4/5
STT/509 6,3 kVA 360 170 310 325 136 24 9 233 96,3 56,9 4/5
STT/510 10 kVA 360 180 310 325 146 24 9 309 96,9 74,5 4/5
STT/511 16 kVA 420 200 360 375 164 30 10 450 97,2 105 4/5

I trasformatori della serie STT/500 sono costruiti seguendo i dettami delle normative CEI 96-2 e/o delle più recenti norme internazionali IEC 61558-1 e IEC 61558-2-6.
La gamma di potenza per i trasformatori di sicurezza si estende fino a 16 kVA, come in tabella, per potenze superiori si utilizzano norme differenti che non identificano il trasformatore come di sicurezza o, previo accordi tra cliente e fornitore, si possono applicare nella costruzione le norme sopra citate considerandole pertanto come un criterio costruttivo e di collaudo.
Le connessioni di entrata o uscita sono normalmente effettuate su morsettiere da guida di adeguata sezione fino a che le sezioni dei conduttori, e conseguentemente i valori di corrente, siano tali per cui diviene preferibile l’impiego di viti in ottone saldate con lega d’argento; con questo tipo di connessione sono evitati tutti gli inconvenienti dovuti a falsi contatti, surriscaldamenti allentamento delle viti sul supporto; in questo modo è assicurato un contatto ottimo con elevata conducibilità ed una altrettanto buona tenuta meccanica a sollecitazioni in senso rotativo.
Gli avvolgimenti sono tutti realizzati in rame sia smaltato che ricoperto in 2 Nomex; i materiali isolanti di uso normale sono di classe F (D.M.D. non saturo), per macchine speciali, ad esempio di calsse H, viene impiegato come isolante il Nomex sia in fogli che in nastro o nastri in vetro per il bendaggio.
I nuclei magnetici sono realizzati con lamierino a basse perdite (1,5 W/Kg) fino alla potenza di 6 kVA; per le potenze superiori è utilizzato lamierino a grani orientati (G.O. M6) con bassissime perdite sia in figure tranciate che in figure composte da lamelle tagliate.
Tutti i trasformatori di isolamento, dopo un collaudo di routine in tensione, vengono impregnati per immersione in vasca con vernice isolante di classe H ed essiccati in forno con un ciclo di circa 8 ore a 150° C per le macchine più piccole, le macchine di potenza più elevata l'impregnazione viene effettuata con una resina epossifenolica con il medesimo ciclo di essiccazione.
La serie STT/500 prevede un primario monotensione fino a 1000 V ed un secondario con tensione massima 50 V in corrente alternata (tra conduttori o tra conduttore e terra) o 120 in corrente continua livellata; questa configurazione non preclude di poter produrre trasformatori trifase di sicurezza con primari e secondari pluritensioni o con più secondari restando entro i limiti delle tensioni sopra citate.
In particolare nel caso siano previsti più secondari, con la possibilità di connetterli in serie, la tensione totale, somma delle singole tensioni, non deve superare i limiti sopra esposti.
Anche le potenze in tabella sono quelle preferenziali riportate dalle normative, è possibile pertanto costruire trasformatori di qualsivoglia potenza restando entro il limite dei 16 kVA o, come detto prima, con potenze superiori previo accordo col cliente.
Se il secondario è collegato a stella viene sempre riportato in morsettiera il morsetto del neutro.
In tutti i trasformatori, siano essi di alimentazione, sicurezza o d'isolamento, è possibile inserire tra primario e secondario uno schermo metallico, in lamina di rame d’adeguata sezione, da riferire a terra, il quale ha come scopo principale di fornire una sicurezza aggiuntiva, oltre quella dell’isolamento, in tutti quei casi in cui una rottura o un anomalo utilizzo, porti alla distruzione del materiale di isolamento provocando un contatto elettrico tra le spire del primario e quelle del secondario; la presenza dello schermo impedisce ai conduttori del primario di entrare in contatto elettrico con quelli del secondario derivando la corrente verso terra.
Utilizzo secondario, ma non meno importante oggigiorno, è quello di filtro per i disturbi a frequenze relativamente alte in quanto l’insieme di primario, schermo e secondario, si può considerare come un condensatore formato da tante capacità distribuite tutte riferite a terra.
Occorre però precisare che la presenza dello schermo non è un fattore determinante affinché un trasformatore risponda alle caratteristiche dettate dalle normative, in quanto tutte le normative specificano che è possibile inserirlo, ma non che è indispensabile.
Il collaudo completo, per una macchina specifica, con tutte le prove previste dalle normative utilizzate per la sua costruzione può essere effettuato, su richiesta del committente, specificandolo all’atto dell’ordine.

Scarica la scheda in formato PDF

^Top^
VARAT s.r.l.
Via della Tecnica 561/567 - 41058 Vignola (Mo) - Tel. +39.059.775677 - Fax +39.059.763696 - E-mail: info@varat.it
Copyright © 2004 Varat srl - Tutti i diritti sono riservati